Taormina


Taormina Agriturismo San GaetanoFamoso centro turistico posto a 204 m.s.l.m. conta circa 10.991 abitanti.
La storia della cittadina risale all'832 A.C. quando i Greci sbarcarono nella baia presso la foce del fiume Alcantara dove fondarono Naxos, oggi Giardini Naxos, altro famoso centro turistico della zona. Naxos fu la prima colonia greca della Sicilia; successivamente i Greci mossero contro il monte dove abitavano i Siculi, l''attuale Taormina, rimanendo sotto l'egemonia di Siracusa fino a quando Roma, nel 212 A.C., faceva diventare tutta la Sicilia provincia romana.
Il Santo patrono di Taormina è S.Pancrazio festa celebrata il 9 di Luglio; la Città famosa in tutto il mondo per le bellezze paesaggistiche e per i panorami, come lo sfondo imponente del vulcano Etna,non che per il mare e dei centri balneari della costa ionica e per gli insediamenti storici e archeologici di rilevante importanza di interesse storico. Taormina è famosa anche per la vita notturna infatti numerosi sono i locali e le discoteche facilmente raggiungibili inoltre nel periodo di Giugno si apre la stagione delle rassegne culturali di Taormina Arte meta ambita dal grande pubblico.

Savoca


Savoca Agriturismo San GaetanoPaese posizionato a 300 mt sul livello del mare, a vocazione tipicamente turistica, si affaccia sul mare Ionio tra il torrente Savoca e il letto del fiume Agrò. Fondato da Ruggero II, anticamente rappresentava un grosso centro: possedeva infatti una fortezza ed una sua amministrazione.
Nel quattordicesimo e quindicesimo secolo furono costruite diverse chiese e le famiglie importanti e di nobile casato abitarono Savoca; testimonianza oggi sono gli antichi palazzi nel centro storico e la cripta costruita nella seconda metà del seicento dove fino ad oggi sono custoditi 32 corpi mummificati posti in nicchie con gli stessi abiti di allora. Questi corpi mummificati sono le personalità importanti di quel periodo che abitavano Savoca tra i quali giudici, abati, preti e poeti.
Importanti sono da visitare la chiesa di S. Michele, la chiesa di S. Nicolò, la chiesa Madre, la Via Crucis, la Cripta dei Cappuccini, il Centro Filarmonico dell'Immacolata, il Museo Etnico Antropologico e il Parco Urbano.

Forza d'Agrò


Forza Agro Agriturismo San GaetanoCittadina a strapiombo a 420 m sul livello del mare, una volta si chiamava Antico Casale di Argilla. Posta in una posizione strategicamente militare fu edificata dal conte Ruggero alla fine del 500. Vi si trova infatti un castello, di cui ancora oggi si possono ammirare le sue imponenti vestigia. Sono visibili la doppia cinta muraria le feritoie e la guardiola, dalla quale si nota il centro abitato con il suo dedalo di viuzze e strade dal tipico carattere medievale. Interessanti sono i luoghi di culto, come la Chiesa Madre con la facciata barocca, la chiesa di San Francesco e quella della "Triade", da dove si entra dal particolare Arco Durazzesco del 400.
Forza d'Agrò è oggi un centro turistico che offre, oltre alle bellezze artistiche e storiche, panorami e tramonti mozzafiato!

Santa Teresa di Riva


Santa Teresa di Riva Agriturismo San GaetanoSanta Teresa di Riva ( oggi 8.925 abitanti), posto tra il torrente Agrò a Sud (dove confina col Comune di S. Alessio Siculo) e il torrente Savoca a Nord ( dove confina col Comune di Furci Siculo), offre al visitatore una grande spiaggia. Questo centro, facente parte della provincia di Messina vicino Taormina, in origine era una frazione del Comune di Savoca ed era conosciuto come "Marina di Savoca".
Il Comune fu battezzato con il nome di Teresa in onore di Teresa d'Austria moglie di Ferdinando II e la denominazione Riva fu aggiunta per le caratteristiche geografiche del luogo.
In passato Santa Teresa di Riva e le vicine località erano dedite alla pesca mentre, in altri luoghi più interni, vi erano famiglie di coltivatori di limoni, ortaggi e vite.
Caratteristiche della zona sono le torri: Torre Catalmo e Torre dei Saraceni del XVI secolo. Oggi il centro è sempre dedito all'agricoltura ed al commercio e ad una nuova vocazione che è quella turistica. Rinomata la tradizione pasticcera di prodotti tipici del luogo tutta da gustare. Il clima della zona è ottimale tutto l'anno per vacanze: l'inverno mite e l'estate è tipicamente mediterranea ma non afosa. Importante è la festa patronale della Madonna del Carmelo che viene festeggiata il 16 di Luglio, attrazione di molti visitatori.

Etna e dintorni


Etna Agriturismo San GaetanoNell'antichità il Vulcano rappresentava una fucina misteriosa chiamato dagli Arabi gebel cioè la montagna. Da questo nome arabo proviene il nome siciliano Mungibeddu o Mongibello montagna-montagna. Le prime eruzioni risalgono a cinquecentomila anni fa e di queste se ne ricordano molte. La più famosa fu quella del 1669 che distrusse parzialmente Catania fino a raggiungere il mare. Nel 1987 venne istituito il Parco naturalistico dell'Etna con un'estensione quasi di sessantamila ettari, esso infatti ricopre una parte che dalla cima del vulcano e arriva in basso al confine superiore dei paesi vicini. La sua quota massima è di 3340 mt. con i suoi 4 crateri e coni vulcanici, immensi fiumi di lava oramai pietrificati, attraversati da corsi d'acqua provenienti da ghiacciai perenni. Il Vulcano è ricco di vegetazione composta da boschi e vegetazione spontanea ma anche da coltivazioni agricole, frutteti e vigneti (da questi ultimi si producono ottimi e rinomati vin)i; anche importante è la coltivazione di noccioleti, pistacchi, mandorli.
Si notano anche la presenza di betulle dal bianco tronco, querce e larici, le gialle ginestre che profumano i sentieri mentre in inverno si possono vedere muschi e licheni di particolare bellezza.
La fauna è costituita da piccoli mammiferi come istrici, volpi, gatti selvatici, martore, ghiri, ricci; ma anche uccelli di diverse varietà, come picchi, fringuelli, rapaci come aquile, sparvieri, gheppi e falchi pellegrini.
Il territorio dell'Etna è costituito da numerosi centri abitati di estensione variabile: diversi di questi paesi che si trovano sulle sue falde sono luoghi di rilevante interesse culturale e commerciale. Assai rinomato è l'artigianato locale, la gastronomia e i vini, apprezzati nel mondo.
Chi viene a visitare le zone dellèEtna può apprezzare molte cose poichè ci sono tante bellezze da ammirare in tutte le stagioni: chi per esempio in inverno ama sciare può provare l'emozione unica di farlo mentre guarda sotto di se il mare Jonio e constatare il suggestivo contrasto di colore tra il bianco della neve e il blu del mare. Inoltre le attività culturali sono diverse e tutte interessanti: si possono visitare musei, ascoltare ottima musica, assistere a gare di fuochi pirotecnici, feste, sagre e tanto altro.

Foto tratte da: Wikipedia.it